Filosofi Solidali

Tema filosofico: ”La filosofia si impara?”

 

 

Secondo me la filosofia è un continuo farsi domande ininterrotamente e sarà così per sempre; per cui non si arrivera mai ad una conoscienza certa, perciò neache al concetto di educazione o trasmissione che varranno per sempre, perchè infatti la filosofia si è evoluta in continuazione, formando nuovi pensieri e nuove dottrine. La filosofia ha voluto trovare sempre ciò che accomuna tutte le le cose, ovvero la sostanza delle cose, ciò che una cosa fa si che sia quello che sia, ciò che fa rimandare a quell’ idea di cosa reale che è nella realtà. Infatti dai primi filosofi fisici che volevano trovare l’Archè delle cose, che è infatti ciò che accomuna tutte le cose, la filosofia si è evoluta molto, perchè sostanzialmente non veniva insegnato nulla. Nella scuola di Pitagora, addirittura, era riservato solo a coloro che hanno capacita ragionativa, il logos. In seguito siamo passati attraverso i sofisti, insegnanti di retorica, grammatica e arti liberali a pagamento, ad imparare come si può prevalere sugli altri nella politica, alla quale per i sofisti tutti devono partecipare, perchè tutti hanno un loro pansiero, e così attraverso l’arte della dialettica si può sovrastare gli altri pensieri. Perciò loro non volevano trovare nessun principio di tutte le cose, ne altro, per questo poco tempo fa non venivano considerati neanche filosofi. E infatti con i sofisti, in un certo senso, cambia il modo di fare filosofia e cosi anche di trasmettere filosofia e imparare filosofia: la flosofia da cercare un Archè, un pricipio, viene messa a disposizione della polis, della politica. Fino ad arrivare a Socrate, che andava in giro a distruggere le certezze conoscitive degli altri, però con l’arte dialogica, quindi retorica, non con la carta, con la scrittura. Perchè diceva che non esisteva una certezza conoscitiva solida e vera, se non quella di sapere che non so. Solo gli dei hanno la sophia. Infine Platone, allievo di Socrate, basava la sua teoria che tutte le idee possibili ed immaginabili rimandavano a quella suprema che era quella del Bene. Neanche lui insegnava niente, ma solo un modo per uscire dalla scompiglio che si era creata nella polis, un modo per ristabilire l’ordine. Tutti siamo dotati di anima razionale, come dice Platone, ma dobbiamo partire dal presupposto che non sappimo nulla, come dice Socrate, ma neanche che solo alcuni ci possono arrivare. Dobbiamo solo tirarla fuori, perchè tutti hanno capacita ragionativa quindi tutti possono fare filosofia, ma partendo da solide basi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *