Filosofi Solidali

Tema di filosofia: linee guida

Sempre più numerose richieste da parte di persone interessate a rispondere all’ultima chiamata di Filosofia (cioè svolgendo il tema del post precedente: “Essere. Trascendenza e verificabilità“) mi chiedono consigli su come “rompere il ghiaccio” e quindi come buttare giù qualche idea non banale.

Ovviamente non esiste una risposta, ma posso provare a dare delle  linee guida!

– Chiedersi prima di tutto prima di tutto cosa sia l‘essere: è lui l’oggetto del tema, non i filosofi che ne hanno parlato.

– l’essere, come tale, prima di tutto, è oggetto di conoscenza o no? i può parlare dell’essere, e quanto se ne può parlare?

– per Hegel se ne parla completamente (l’essere è l’oggetto stesso della ragione, è la realtà razionale) ; per gli esistenzialisti l’essere è assolutamente fuori dalla portata della ragione (trascendente), cio nonostante è l’unico oggetto che merita di essere indagato perche l’unico nei confronti del quale l’uomo, come esistente, puo scoprire qualcosa di sé (si, ma cosa?) ; a se l’essere è trascendente rappresenta non un punto di riferimento (qualcuno risponderebbe), ma al massimo un limite.. e la conoscenza che ne scaturisce è al massimo un “sentimento” (metafisico appunto). Ricordarsi di chi disse che la metafisica è solo un sentimento: Schlick.. e infatti per i neopositivisti dell’essere non si può dire tutto, ma solo ciò che è verificabile.. cioè esiste dell’essere non verificabile? cosa vuol dire?

Ovviamente questa linea guida si da solo come beneficio di inventario: si puo seguire o no, sviluppare in quest’ordine o in un altro.. purché si parli dell’essere:)

Buon lavoro..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *